Forme giuridiche e politiche di supporto per le cooperative e le imprese sociali

Quest’area di ricerca si occupa di due tematiche connesse che si influenzano reciprocamente. Le politiche di supporto alle imprese cooperative e sociali sono infatti fortemente condizionate dal contesto giuridico che funge da scenario per tali imprese. A livello europeo, peraltro, come ricerche già svolte nell’ambito di quest’area di ricerca hanno dimostrato, la disciplina di imprese cooperative e sociali è fortemente disomogenea. Solo alcuni ordinamenti giuridici europei presentano regole specifiche sull’impresa sociale. Mentre, per quanto riguarda le imprese cooperative, esiste in Europa una grande varietà di approcci disciplinari. Tutto ciò si riflette sulla realizzabilità ed efficacia di politiche di supporto a livello europeo, che si gioverebbero di un quadro giuridico più uniforme ed omogeneo.

Sulla base di queste premesse, l’area di ricerca si propone di analizzare e comparare la disciplina di imprese cooperative e sociali in Europa, tanto sotto il profilo del diritto sostanziale che del diritto tributario, della concorrenza, degli aiuti di stato, dei contratti pubblici, del lavoro o di ulteriori aree disciplinari in cui la specificità di queste imprese possa assumere un ruolo significativo.

 

In particolare, l’area di ricerca indirizzerà i suoi progetti verso i seguenti obiettivi:

  • la definizione dell’identità giuridica di imprese cooperative e sociali;

  • il miglioramento della legislazione, sia nazionale che europea, in tema di imprese cooperative e sociali;

  • la comparazione degli ordinamenti giuridici europei.

Dal punto di vista metodologico, l’area intende applicare il metodo comparativo, anche mediante la costituzione di reti di giuristi europei, nonché saldare teoria e prassi mediante un’analisi funzionale ed economica dei temi giuridici e delle politiche di supporto sotto osservazione.

Alcune ricerche di quest’area sono riconducibili all’attività di Consulenza di Euricse la quale si occupa principalmente di forme giuridiche e politiche di sostegno anche se è trasversale a tutte le sei aree di ricerca.

Coordinatore scientifico

ANTONIO FICI è Professore associato di diritto privato presso il Dipartimento Giuridico dell'Università del Molise. Dopo la laurea con lode in giurisprudenza nell'Università di Roma “La Sapienza”, ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in diritto privato presso l'Università di Pisa. Successivamente ha svolto attività di ricerca nell'Università di Berkeley, è stato assegnista di ricerca nell'Università di Urbino e ricercatore confermato nell'Università di Roma “Tor Vergata”. Il Professor Fici fa parte del comitato editoriale del Journal of Entrepreneurial and Organizational Diversity (JEOD). Il diritto dei contratti e il diritto delle organizzazioni sono le sue principali aree di ricerca. Tra le più recenti pubblicazioni in lingua inglese si segnalano: “Cooperatives and social enterprises: comparative and legal profiles”, in B. Roelants (ed.), Cooperatives and Social Enterprises. Governance and normative framework, CECOP, Brussels (2009); “Italian cooperative law reform and co-operative principles”, EURICSE Working Paper, n. 02/09 (2009); “Executive Summary” and “Synthesis and Comparative Report”, in Study on the Implementation of the Regulation 1435/2003 on the Statute for European Cooperative Society – SCE (2010); “Cooperative identity and the law”, EURICSE Working Paper, n. 23/12 (2012), forthcoming in European Business Law Review. E-mail | Web 

Elenco Progetti

Gruppo di studio sul diritto europeo delle società cooperative (SGECOL) e Principi di diritto europeo delle società cooperative (PECOL)

News > Disponibile nella sezione Documenti la prima bozza preparatoria del capitolo 1 dei PECOL: PECOL Capitolo 1 – Prima Bozza Preparatoria –(Aprile 2013)

----------------

Il Gruppo di studio sul diritto europeo delle società cooperative (Study Group on European Cooperative Law - SGECOL) è un gruppo di studiosi di diritto cooperativo provenienti da diversi paesi europei, la cui prima riunione si è svolta a Trento, presso la sede di EURICSE, il 29 e 30 novembre 2011.
SGECOL si propone di svolgere attività di ricerca in materia di diritto delle società cooperative in Europa, promuovendo in tal modo conoscenza e comprensione di questa specifica disciplina in ambito legale, accademico e governativo, a livello nazionale, europeo ed internazionale.
SGECOL intende conseguire questo obiettivo attraverso progetti di ricerca di diversa natura nell’area del diritto delle cooperative, a cominciare dalla redazione dei Principi di diritto europeo delle società cooperative (Principles of European Cooperative Law - PECOL).
I progetti di SGECOL riguarderanno principalmente il diritto sostanziale delle società cooperative, ma anche il diritto tributario, della concorrenza, degli aiuti di stato, degli appalti pubblici, del lavoro, della crisi d’impresa, ecc., nelle misura in cui, in questi ambiti disciplinari, le cooperative siano o possano costituire oggetto di specifica regolazione. 

Per saperne di più: WP 24|12 New Study Group on European Cooperative Law: "Principles" project

Manuale internazionale di diritto delle società cooperative

 È stato pubblicato l'International handbook of cooperative law, uno strumento fondamentale per la formazione e la ricerca comparate nel campo del diritto cooperativo. Hanno contribuito alla realizzazione giuristi da 30 paesi, coordinat

Il supporto per lo sviluppo rurale in Montenegro attraverso la riabilitazione del sistema cooperativo

Il progetto “Montenegro” si inserisce nel programma della Commissione Europea IPA 2008 – supporting measures, destinato ai Paesi che mostrano una vocazione europea per il periodo 2007-2013. L’assistenza è fornita nel contesto dei partenariati europei dei paesi candidati potenziali e dei partenariati per l’adesione dei paesi candidati effettivi. Essendo uno strumento tendenzialmente flessibile, l’IPA fornisce un’assistenza che dipende dai progressi compiuti dai paesi beneficiari e dalle loro esigenze, secondo quanto emerge dalle valutazioni e dai documenti di strategia annuali della Commissione.